Luna piena di Febbraio – Luna della Neve – Pesco un fiore per te

Posted on

Luna di Febbraio, luna della neve, le ultime nevi sulle nostre amate montagne prima del disgelo primaverile.

Una Luna che chiude i cicli, e’ tempo di fare il resoconto di cosa e’cambiato da settembre 2023: quindi chiediti cosa e’successo in questi mesi? quali evoluzioni ha affrontato o raggiunto? Quali le cose da lasciar andare? Quali porte sono rimaste chiuse? Sicur* di avere la chiave? E’ giusto per te quel vestito? Ti senti dove vorresti essere? Cos’ hai imparato da quello che e’successo?

La Natura lavora sotto la Terra, niente muore ma riposa per rigenerarsi, come le piante, i semi, gli animali in letargo: ho sempre imparato tanto osservando la Natura, mi ha illuminato e continua a farlo, peccato che non sempre si riesca a decifrarne il linguaggio.

La mente razionale a volte e’una fregatura, prende il sopravvento sul nostro sentire: della care amiche astrologhe mi riportano questo organizzare, delineare, precisare quasi ossessivo del segno della Vergine che entra a ” disturbare” la Luna piena dei Pesci.

I pesci ci invitano a fluire, lasciare il controllo, buttarci in quella nuova ” cosa” che sentiamo essere la strada giusta per noi.

Caro lettore, io lo sto facendo e senza sapere l’ influsso di questo periodo, infatti la chiave e’ entrata nella toppa, ora basta girarla.

E’ il periodo inoltre di prendersi cura, di pulirsi dalle tossine invernali, alleggerire l’ alimentazione, detossinare la mente per prepararci alla Primavera e al cambio di luce, al cambio di energia e il reset immunitario per affrontare al meglio allergie in arrivo e la stanchezza psico fisica primaverile.

Quindi questa Luna Piena del 24 febbraio ci invita a lasciarci trasportare verso ” il nuovo” ( progetto, rapporto, corso…), comunicare ciò che si sente, “essere e sentirsi” calati in ciò che “si e'” e “si fa” tagliando il divario tra ciò che si “vorrebbe” e ” si e’ ora”. ( Rileggi più volte) .

Ho attivato il mio intuito e sono usciti questi Fiori Australiani che potrai abbinare in una miscela o prenderli singolarmente se li senti connessi a te.

Per la propria forza e lasciarsi andare

Monga Waratah, ha le sembianze di una mano aperta che si stende, un segno evidente che richiama la dottrina delle Signature, quando una persona ha necessità di trovare la propria forza interiore, energia e staccarsi dalla modalità che la rende dipendente dagli altri.

Questo fiore quindi aiuta a sentirsi più sicuri a eliminare comportamenti che ci fanno sentire oppressi o soffocati per i quali non pensiamo di avere la forza necessaria per troncare punto.

Può essere utilizzata per compulsioni da cibo , legami affettivi troppo stretti e quindi aiuta a lasciarsi andare.

Per essere indipendenti oltre al giudizio altrui

Red Grevillea è un rimedio molto potente per le persone che si sentono bloccate e dipendenti da qualcuno o qualcosa, in realtà è molto simile al precedente ma, questo fiore si connette di più per uscire dal guscio promuovendo l’ essere indipendente, provare indifferenza si viene giudicati dagli altri.

E’ il fiore delle coincidenze e più aiuta a trovare la propria strada, a livello fisico riequilibra la ICV una valvola intestinale che permette l’entrata e la chiusura della materia fecale quindi l’equilibrio tra ciò che si tiene e ciò che si lascia, sblocca l’ATM un articolazione mandibolare e aiuta quindi ad esprimersi.

Con questo rimedio è necessario non essere troppo attaccati alle proprie aspettative.

Per decidere tra il fare e non fare

Mint Bush è utile nei periodi in cui si si è messi alla prova oltre al proprio limiti nel momento in cui si vive un periodo dove regna il caos e la confusione ed è frequente la sensazione di vuoto.

Una sensazione che riprende il caos dei pesci. È ottimo quando si vive un periodo di perturbazione e si vive nel dilemma fare e non fare dire e non dire quando si ha confusione mentale e quando si è incastrati prima di decidere di fare il passo.

Ricordo sempre di farsi aiutare da un Floriterapeuta esperto in quanto non e’ assolutamente vero che ” al massimo i fiori non fanno niente”, sbloccano e aprono porte che un aiuto per la gestione emozionale e’sempre raccomandata.

Non tutti possono assumerli, lavorano su un piano molto sottile e non essendo farmaci o floriterapici e’ possibile non percepirne nell’immediato gli effetti.

Ai più sensibili a volte bastano meno gocce di quelle indicate. Mi raccomando!

Una buona Luna piena!

Doc S.

Per tornare alla Home CLICCA QUI